Martedi 21 08 2018 - Aggiornato alle 19:48

Ritorna il Festival internazionale d'arte contemporanea
dal 28 al 19 agosto Ritorna il Festival Internazionale d'Arte contemporanea

Attraverso differenti media artistici, dalla pittura all'installazione, dalla video-art alla performance, gli artisti si misureranno in maniera creativa con un concetto ancestrale, la libertà di circolazione degli uomini, il diritto inalienabile di lasciare il proprio luogo d’origine

- 16/07/2016

Anche quest'anno Sciacca ospiterà il Festival Internazionale d’Arte Contemporanea organizzato dall’associazione culturale "Ritrovarsi", un progetto ideato per la valorizzazione del territorio e del suo patrimonio urbano e culturale della città. La quinta edizione del Festival, curata dal direttore artistico Stefania Giacchino e da Giusi Affronti, si svolgerà in una tre giorni, dal 26 al 28 agosto 2016, ogni sera dalle 20,30 alle 00,30.
 
Si tratta di un progetto ideato per la valorizzazione del territorio e del suo patrimonio urbano e culturale della città. Il tema di quest'anno è "migrare". L'obiettivo della manifestazione artistica è quella di creare un dialogo tra i linguaggi della cultura visiva contemporanea e la tradizione dei mestieri. Il territorio saccense si trasforma così in un’installazione a cielo aperto in cui gli interventi di artisti italiani e internazionali scandiscono un percorso collettivo che si snoda all’interno del “Quartiere dei marinai”. Gli artisti che parteciperanno alla manifestazione verranno selezionati attraverso un concorso (vedi Bando 2016 su http://www.ritrovarsi.net, scadenza 31 luglio 2016). 
 
Attraverso differenti media artistici, dalla pittura all'installazione, dalla video-art alla performance, gli artisti si misureranno in maniera creativa con un concetto ancestrale, la libertà di circolazione degli uomini, il diritto inalienabile di lasciare il proprio luogo d’origine. Un’occasione, inoltre, per gli spettatori di "Ritrovarsi" di scoprire i vicoli, i curtigghi (cortili) e le piazze di Sciacca che conservano la memoria architettonica della cultura del Mediterraneo.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione