Domenica 21 10 2018 - Aggiornato alle 23:53

img_5803
Nuovo spazio culturale Finalmente a Sciacca il Museo del Carnevale

Il Comune dovrà adesso indire una gara per poter scegliere il soggetto che si occuperà di rendere fruibile il sito ai visitatori

di Santina Matalone - 01/07/2016

Sciacca ha un Museo del Carnevale, un luogo dove la manifestazione dalla tradizione ultracentenaria, ha vita fuori dalle strade e dalle piazze e anche tutto l'anno. Il nuovo spazio espositivo è stato completamente rinnovato coniugando tecnologia multimediale e storia della festa più sentita dai saccensi, grazie ad un progetto da circa 560 mila euro, finanziato dal Programma Operativo Regionale FESR Sicilia 2007/2013, che è stato assegnato tramite gara d’appalto alla società Space S.p.A., impresa toscana che si dedica alla valorizzazione e promozione del patrimonio culturale nazionale, ed alla siciliana Itinera Lab s.r.l., specializzata nella progettazione e realizzazione di allestimenti museali.

Il nuovo allestimento del Museo del Carnevale di Sciacca nasce tenendo conto di alcune linee guida essenziali nella riorganizzazione degli spazi fruitivi, studiati non solo in funzione di una migliore valorizzazione dei beni musealizzati ma anche e soprattutto per renderlo uno spazio per tutti, un punto di riferimento adeguato ad accogliere varie tipologie di utenza. Sono state infatti migliorate le condizioni di comfort ambientale degli spazi, realizzati inoltre interventi di sistemazione dell’area esterna di pertinenza dell’edificio, opere impiantistiche necessarie al funzionamento ed al contenimento energetico, nuove destinazioni funzionali per i locali annessi e soprattutto particolare attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche. Insomma è stata data voce e spazio a tutto il variegato mondo di competenze e maestranze che lavora dietro le quinte della manifestazione e che di anno in anno rinnova l’aspettativa e l’entusiasmo di cittadini e appassionati.

Per raccontare tutte le facce di questo evento che rappresenta la cultura, l’arte e l’identità di questo luogo si è scelto di unire tecnologia e tradizione in un percorso di visita che coniuga la multimedialità con l’esposizione, il reperto con la sua storia. Il percorso propone narrazioni multimediali ed applicativi interattivi abbinati alle collezioni custodite all’interno del Museo: a partire dalla raccolta delle maquettes, ovvero i plastici preparatori realizzati per riprodurre in scala i carri allegorici che hanno sfilato per la città nelle varie edizioni del Carnevale, circa 80 riproduzioni realizzate in vari materiali tra il 1983 e il 2011.

Abbinate alla teca in cui le maquettes vengono esposte, due postazioni multimediali consentono di scoprire la storia delle singole riproduzioni, leggendone i dettagli su una scheda descrittiva che riporta il titolo, l’anno di realizzazione e il nome dell’associazione che poi ha realizzato il carro: per alcune di esse è anche possibile esplorare le singole riproduzioni come virtual object, ruotando l’immagine della maquette a 360° ed osservandola con uno zoom, oppure accedendo ad una breve clip video o ad una galleria di immagini che testimoniano la sfilata del carro poi realizzato durante le varie edizioni del Carnevale.

Il Museo del Carnevale è stato inaugurato e aperto, ma al momento solo per questo evento, giovedì 30 giugno. Si dovrà aspettare adesso che il Comune decida a chi affidare la gestione della struttura; in buona sostanza, l'amministrazione comunale dovrà adesso indire una gara per poter scegliere il soggetto che si occuperà di rendere fruibile il sito ai visitatori.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione